• C’è il “cicchetto tascabile”, il whisky Glenlivet in capsule da portare con sé

    Con il freddo un assaggio di un buon liquore potrebbe aiutare a riscaldarsi: ecco perché i famosi produttori di whisky della distilleria Glenlivet hanno inventato quello che è già stato ribattezzato come il “cicchetto tascabile”, ossia delle capsule da 23 ml contenente il pregiato distillato da portare con sé e assaporare ovunque, ad esempio quando si è in viaggio.

    Per gustare queste capsule di whisky bisogna semplicemente poggiarle sulla lingua e romperle con i denti perché l’involucro è commestibile e realizzato con delle alghe: non servono ghiaccio né bicchiere, dunque, per assaggiare queste capsule che funzionano, in sostanza, come una sorta di cioccolatino ripieno di liquore.

    Sono disponibili tre varietà di cocktail con alla base il famoso whisky Founder’s Reserve, un single malt leggero, speziato e delicato: la prima è la Citrus, contenente distillato di limone, cherry, lillet e cordiale al bergamotto; la seconda è la Wood, contenente distillato di sandalo, il tayēr Invecchiato Aquavit, l’oloroso, il vermouth Rosso e il cordiale al cedro; la terza è infine la Spice, aromatizzata al muyu vetiver gris, oloroso sherry, lampone verjus, bieer alle Noci nere e paychaud’s bitters. La famosa distilleria ha lanciato sui social quella che è stata chiamata come la Glenivet Capsule Collection: “Niente ghiaccio. Niente miscelatore. Niente bicchiere. Stiamo ridefinendo come si possa godere del whisky”, questo è il senso della nuova invenzione.

    Una novità che, però, non trova il consenso degli estimatori del whisky, o almeno non di tutti: secondo molti, infatti, queste capsule rovinerebbero la poesia di questo distillato che, al contrario, va lasciato decantare in un calice basso e largo per poi essere gustato lentamente, a piccoli sorsi.

    65 visite
    0 commenti
  • Lascia un tuo commento

    Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.
    Campi obbligatori *