• Dessert d’oro: idee a 24 carati dal panettone al lingotto di cioccolato

    Il Convivio è un momento bellissimo  e relazionale da condividere con gli altri. Scriveva Plutarco filosofo greco antico nel primo secolo dopo Cristo: “Non ci sediamo a tavola per mangiare, ma per mangiare insieme”. E se questo momento lo rendessimo ancora più prezioso? Dal panettone all’eclair dal lingotto di cioccolato fino ai piatti gourmet con la foglia d’oro, ecco alcune idee “dorate” da non perdere per un Convivio ancora più brillante.

    Il panettone tutto d’oro di Sal De Riso

    L’idea è di Sal De Riso, Maestro dell’Accademi Pasticcieri Italiani con punto vendita a Minori, in Costiera Amalfitana.Amo portare il sole della Costiera in tutto il mondo con i miei dolci e quindi ho pensato a un panettone natalizio che potesse sembrare proprio un sole luminoso – spiega il pasticciere De Riso -. Il dolce è preparato con l’impasto del panettone a lievitazione naturale, senza uvetta, arancio e cedro. E’ profumato con bacche di vaniglia delle Isole Bourbon e Tahiti e farcito con cioccolato fondente Sur Del Lago 72% Venezuela, infine ricoperto  completamente di foglia d’oro“.

    Si chiama “Oro puro” è costa circa 150 euro al chilo.

    Il lingotto di cioccolato di Cioccolati Italiani

    Processed with VSCO with a4 preset

    Ricorda un prezioso lingotto d’oro l’idea regalo di Cioccolati Italiani, il brand che si è imposto sul mercato per la sua proposta a tutto cioccolato (partendo dal gelato, fino alla pasticceria, passando da praline e creme spalmabili). I lingotti sono prodotti con cacao Fino De Aroma, il più pregiato al mondo. Si trovano tutto l’anno nei punti vendita Cioccolati italiani nei tre gusti classici: Bianco, Latte e Fondente 70% (il prezzo va dai 26 ai 35 euro), ma per le Festività sono state create due speciali limited edition: Lingotto fondente 80% con mandorle e il Lingotto al latte con nocciole (costano 39 euro).

    Una curiosità: la denominazione di Fino de Aroma viene attribuita direttamente dalla International Cocoa Organization (ICCO) e identifica il frutto nato dall’incontro tra le fave Trinitario e Criollo, uno dei più preziosi al mondo che vanta aromi fioriti e fruttati con spiccate note maltate e che si caratterizza per i bassi livelli di acidità, astringenza e amarezza.

    Gli éclair con foglia d’oro

    Pensa ad un dessert dorato anche Christophe Adam, il pasticciere francese creatore e fondatore de L’Éclair de Génie. Due le edizioni speciali con oro commestibile: l’éclair cioccolato grand cru farcito con crema al cioccolato fondente, arricchito con glassa al cioccolato e decorato con placchette di cioccolato e polvere d’oro e l’éclair vaniglia del Madagascar, farcito con crema alla vaniglia del Madagascar, arricchito con glassa alla vaniglia e decorato con una bacche di cioccolato e foglia d’oro.

    I macarons dorati di Ladurée

    I macarons di Ladurée sono diventati un must dei regali di Natale per fidanzate, mamme, zie e amiche del cuore. Quest’anno provate a osare di più e a regalare i macarons ricoperti con la foglia d’oro. In origine ci sono stati quelli creati con il brand di moda Nina Ricci, quelli ideati da Marina Abramovic per la collaborazione tra Ladurée e Kreemart e i più recenti creati in collaborazione con Linda’s at Bergdorf Goodman ma, visto il successo, Ladurée li ripropone nella versione al cioccolato, perfetta per le feste natalizie. 

    Ristorante Armani e Armani Nobu: oro dal secondo al dessert

    Sono pensate in chiave preziosa anche i piatti proposti dai due ristoranti di punta all’interno del Palazzo Armani di Montenapoleone a Milano: lo chef Francesco Mascheroni propone al Ristorante Armani una tartare di branzino ricoperta da un generoso strato di Caviale Oscietra con un tocco di limone per dare freschezza e la foglia d’oro per dare ricchezza e luminosità al piatto. All’Armani Nobu guidato dallo chef Antonio d’Angelo, invece, la foglia d’oro è sul dessert natalizio: un Cilindro croccante cremoso al cioccolato e cocco, spuma di frutti esotici. Lusso ed eleganza dal secondo piatto al dolce.

    Il tempo delle uova d’oro

    L’uovo è un simbolo antico che parla di rinascita, di fecondità e di rigenerazione. Ecco perché lo chef Ivan Milani del ristorante Pont de Ferr di Milano lo propone come piatto perfetto per la Viglia di Natale. Si chiama il Tempo delle Uova d’oro e si tratta di un uovo bio cotto a bassa temperatura, arricchito da una salsa tostata a base di burro aormatizzato all’acciuga con tartufo nero tagliato a lamelle sottili, impreziosito da una foglia d’oro edibile intera. Il piatto è completato da una piccola quenelle di perlage di tartufo nero.

    Lo chef consiglia l’abbinamento con Prope il Trebbiano d’Abruzzo dell’azienda Velenosi. Si tratta di un Trebbiano 100% dal colore giallo paglierino brillante, che al naso regala aromi di pesca gialla, fiori bianchi, fieno, sedano e finocchio e che al palato si presenta come un vino di corpo, morbido e armonico.

    152 visite
    0 commenti
  • Lascia un tuo commento

    Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.
    Campi obbligatori *