• In arrivo il primo pane con farina di agrumi

    È ad alto contenuto di fibre provenienti dai sottoprodotti di arance e limoni. Una soluzione che fa bene a salute e ambiente

    È benefico per la salute e, allo stesso tempo, rappresenta un’alternativa ecologica per il riutilizzo e la valorizzazione degli scarti e dei sottoprodotti della lavorazione di arance rosse e limoni. È un nuovo tipo di pane di grano duro ad alto contenuto di fibre, unico nel suo genere perché arricchito per la prima volta con le fibre contenute nella farina degli agrumi. Arriverà presto sulle tavole degli italiani e a metterlo a punto sono stati i ricercatori dei centri di Cerealicoltura e colture industriali e di Olivicoltura, frutticoltura e agrumicoltura del Crea (il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria) in collaborazione con il dipartimento di Agricoltura, alimentazione e ambiente dell’Università di Catania.

    Si usa il pastazzo

    Nel processo di produzione descritto sulle pagine della rivista Frontiers in Nutrition, si legge che la farina di agrumi è costituita per oltre il 70% da fibra (di cui circa il 60% sono fibre insolubili e il 40% fibre solubili) e si ottiene dopo diversi lavaggi e dopo l’essiccazione del pastazzo, un sottoprodotto della lavorazione degli agrumi costituito da buccia, polpa e semi che rappresenta un rifiuto che comporta elevati costi di smaltimento e problematiche ambientali data la notevole produzione annua, pari a circa 500 mila tonnellate.

    Sapore agrumato, consistenza tradizionale

    Se dal punto di vista del sapore risulta leggermente agrumato, per il resto dal punto di vista qualitativo (nella consistenza, ad esempio) è simile agli altri tipi di pane a base di farina di grano duro. Dal punto di vista chimico-fisico, poi, le fibre di agrumi non hanno avuto alcun impatto sulla conservabilità del pane, sul suo volume, sul peso e sulla struttura interna.

    Più fibre, più salute

    Dal punto di vista nutrizionale, invece, il pane a base di farina di agrumi può vantarsi di avere un maggior valore rispetto al pane tradizionale: con la farina di arance rosse e limoni si aggiunge infatti all’impasto un importante contenuto di fibre, con valori complessivi superiori ai 6 grammi di fibre ogni 100 grammi di pane, a tutto favore della prevenzione dell’insorgenza di patologie come le malattie cardiovascolari e il diabete di tipo 2.

    Miriam Cesta

    Miriam Cesta

    59 visite
    0 commenti
  • Lascia un tuo commento

    Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.
    Campi obbligatori *