• La pubblicità scopre l’agroalimentare e negli Usa scoppia il fenomeno “Foodvertising”

     

    I guru americani della pubblicità hanno scoperto le infinite possibilità offerte dal mondo dell’agroalimentare e negli Stati Uniti è scoppiato il fenomeno del“foodvertising”, che vede uova, frutta, patatine o bustine di zucchero come originale veicolo per campagne promozionali di enorme successo.

    Per dovere di cronaca anche in Italia esiste questa espressione pubblicitaria utilizzta soprattutto con le bustine di zucchero dalla società Promozucchero ed invece da anni la società Party Round Green, spesso anticipatrice di tendenze, noto catering biologico e banqueting green ha fatto di una anguria con il logo aziendale intagliato nel centro, una sua visual communication (vedi immagine esterna)

    Il cibo non più dunque solo protagonista, ma veicolo attraverso il quale diffondere messaggi pubblicitari. Così succede che la Cbs, colosso della tv oltreoceano, ha lanciato i suoi programmi incidendo con il laser 35 milioni di uova, la Hasbro, multinazionale dei giocattoli, ha stampato con uno speciale tipo di inchiostro (ovviamente atossico) migliaia di domande del nuovo Trivial Pursuit sulle patatine Pringles, la crema depilatoria Veet ha scelto i kiwi come soggetto di una campagna che vede metà frutto peloso e l’altro liscio, marchiato con il logo della crema.

    Il “foodvertising” ha dalla sua parte molti vantaggi: costi contenuti, ampia diffusione, possibilità di raggiungere target mirati, grande capacità di stupire e divertire il consumatore.

    Dedotto che gli alimenti o il loro packaging sono un buon mezzo di comunicazione per qualsiasi tipo di prodotto, perché non pensare in futuro di utilizzare il vino allo stesso scopo?

    Una pubblicità che “viaggi” sulle bottiglie di griffe enologiche va vista con l’ottica di un’operazione di co-marketing, in cui entrambe le parti hanno tutto da guadagnare in termini di immagine e notorietà a presentarsi in partnership.

    #partyround #partyroundgreen #pubblicità #agroalimentare

    33 visite
    0 commenti
  • Lascia un tuo commento

    Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.
    Campi obbligatori *