• Passato, presente e futuro delle mode gastronomiche

    Tutto scorre, tutto passa. Passano le creste di quindici centimetri, le spalline imbottite, le Superga colorate. Oddio sono tutte cose che stanno tornando… Però le penne alla vodka no, quelle sembrano morte e sepolte. Per fortuna.

     

    Passano gli anni, cambiano i tempi e cambia anche la cucina. Epoca che vivi, mode gastronomiche del passato, presente e futuro che spopolano. Tutte – o quasi – le meteore della cucina italiana. Scheletri e nuovi mostri, infatuazioni passeggere e passioni durature. Idee vincenti o tutta forma e niente sostanza.

     

    Tra presente passato e futuro, sono tante le tendenze in cucina che hanno avuto picchi di grande successo e repentini prepensionamenti. Si tratta di ingredienti, ricette, preparazioni che sono all’improvviso diventate comuni, per poi tornare nell’anominato.

     

    Un esempio? La panna! C’è stato un periodo in cui qualsiasi piatto doveva prevederla, un’epoca nella quale le ricette ipercaloriche dominavano. Poi è tornata come street food ma in un’altra epoca e in un’altra cucina. Ancora oggi comunque i fusilli con panna e pancetta conservano il loro fascino.

     

    Mode gastronomiche, le tradizioni in cucina

    C’è poi la rucola: ancora oggi accompagna spesso i pezzetti di grana. Un po’ come accade con il tortino freddo dal cuore fondente di cioccolato. E cosa dire delle ricette che arrivano dall’estero? Il cupcake ha dominato per anni, eliminando o quasi le ciambelle dalle nostre tavole.

     

     

     

    Per non parlare poi della gelatina. Voglia di esibizionismo, bisogno di dimenticare le ristrettezze economiche dopo il boom degli anni Sessanta, ricerca dell’ostentazione culinaria a ogni costo. Sono tanti i motivi che si potrebbero adducibili dietro alla popolarità della gelatina dagli anni Settanta in poi, ma questo è un articolo che vorremmo archiviare il prima possibile e non ci teniamo ad approfondire. Una passione che al ristorante si traduceva in aspic di ogni tipo, e in casa nell’acquisto compulsivo di budini: qui trovate testimonianze fotografiche.

     

     

     

     

    Eppure la differenza salta subito al palato. E così in questo tour alla ricerca delle mode gastronomiche tra passato, presente e futuro non può mancare il gelato salato. Un cono tonno e cipolla al posto del classico caffè e cioccolata. In questo caso la tradizione non la batte nessuno ed ecco il ritorno alla normalità. Ma ci sono anche mode gastronomiche per così dire positive: è il caso, ad esempio, della birra artigianale. All’improvviso sono comparsi birrifici in ogni dove, un successo senza precedenti che a dire il vero ancora oggi continua.

     

     

    Ma non tutto ciò che artigianale è sinonimo di qualità: ecco allora che gli hamburger gourmet non hanno avuto lo stesso successo, forse per il prezzo eccessivamente alto. In fin dei conti sempre un hamburger è!

     

    Senza dimenticare il sushi che sembra tenere banco da anni in tutte le sue variegate espressioni

     

     

    Si chiude così questa carrellata di mode gastronomiche tra quelle che sono durate il tempo di un assaggio, quelle che durano ancora oggi e quelle che dopo un periodo di appannamento stanno tornando a galla.

    111 visite
    0 commenti
  • Lascia un tuo commento

    Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.
    Campi obbligatori *