• Tutti i Pesci d’Aprile: non credenze ma solide realtà ittiche di stagione

    Non stiamo parlando della tradizione di fare scherzi per poi esclamare “pesce d’aprile !”

    Comunque le origini del pesce d’aprile non sono certe, anche se sono state proposte diverse teorie. Prima dell’adozione del calendario Gregoriano, nel 1582, il Capodanno era celebrato tra il 25 marzo (la vecchia data dell‘equinozio di primavera) e il 1 aprile. Una delle ipotesi più accreditate vuole dunque che, a seguito del cambiamento di calendario, non tutti si abituarono alla modifica e vennero quindi additati come gli “sciocchi d’aprile”. Da qui l’origine burlesca dell’1 aprile.

     

    LA STORIA

    In Europa, i festeggiamenti del primo d’aprile diventano usanza intorno alla fine del 1500: pochi anni dopo l’adozione del nuovo calendario Gregoriano. Nella Francia di Re Carlo IX e nella Germania degli Asburgo, la tradizione prende il via e si diffonde poi in Inghilterra (nel XVIII secolo) e negli altri stati europei.

    La leggenda vuole che molti francesi, contrari a questo cambiamento o semplicemente sbadati, continuassero a scambiarsi regali tra marzo e aprile, festeggiando il Capodanno come ai vecchi tempi.
    Dei burloni iniziarono così, per sbeffeggiarli, a consegnar loro regali assurdi o vuoti durante feste inesistenti. Nel regalo vuoto si poteva trovare un biglietto con scritto poisson d’avril: pesce d’aprile, in francese.

    In Italia l’usanza dell’1 aprileè recente: risale agli anni tra il 1860 e il 1880. La prima città ad accogliere l’abitudine francese fu Genova, dove la passione per gli scherzi d’aprile sbarcò nel suo porto così vivace. La tradizione si radicò prima tra i ceti medio-alti, poi prese piede anche tra il resto della popolazione.

     

    PERCHÉ IL PESCE?

    Già ma il nome… Cosa c’entrano i pesci? Anche per questo c’è una spiegazione ed è che i pesci abboccano facilmente all’amo. Come le vittime delle burle “abboccano” facilmente alla presa in giro.

    Parliamo invece dela enorme varità di pescato che offre il Mar Mediterraneo nel mese di Aprile

    Per questo mese, vogliamo segnalarvi le specie ittiche da scegliere, per continuare con un comportamento d’acquisto responsabile ed ecosostenibile. Essere a conoscenza di un calendario di pesce di stagione vi porta sempre a scegliere nel rispetto dei cicli riproduttivi e a consumare un prodotto che sarà fresco, salutare ed economico.

    Vediamo la lunga lista dele varie specie ed i consigli per cucinarlo al meglio secndo tradizione ed innovazione:

    • alici
    • busbana
    • canocchia
    • cefalo
    • cepola
    • cernia
    • dentice
    • gallinella
    • gambero rosa
    • granchio
    • lampuga
    • mormora
    • nasello
    • occhiata
    • pagello
    • palamita
    • pesce di San Pietro
    • pesce sciabola
    • pesce spada
    • polpo
    • razza
    • rombo
    • sarago
    • sardina
    • scampo
    • scorfano
    • seppia
    • sgombro
    • sogliola
    • spigola
    • sugarello
    • tonno
    • totano
    • zerro.

     

    Ricette per portare in tavola il pesce di aprile

    Le possibilità di esprimersi in cucina sono davvero tante con le diverse specie ittiche disponibili in aprile

     

    Cannelloni al dentice in salsa di peperoni

     

    Risotto alla spigola

     

    Spaghetti in guazzetto di canocchie

     

    Filetti di rombo alle erbe fini

     

    Filetti di pagello su letto di patate e caponata di verdure, cruditè di verdure e salsa jalapeno e finocchietto

    36 visite
    0 commenti
  • Lascia un tuo commento

    Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.
    Campi obbligatori *